NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Articoli Blog

News

Festa di San Francesco d'Assisi

Triduo

Venerdì 1 Ottobre, inizio TRIDUO del Santo, ore 18:00 Santa Messa

Sabato 2 Ottobre, ore 18:00 Santa Messa

Domenica 3 Ottobre, ore 11:00 Santa Messa e supplica alla B.V.M. del Rosario, ore 18:00 Santa Messa

Leggi tutto...

Piantumazione "Olivo della Madonna"

Lunedì 4 Ottobre ore 18:00

Piantumazione di un "Olio della Madonna" presso la Chiesa Maria SS. del Rosario

Santa Messa e Deposizione della Corona in onore di San Francesco

Leggi tutto...

Links Utili

Vangelo del Giorno

Entrare nel Regno di Dio è una grazia

Dal vangelo secondo Matteo (19,23-30)

SPUNTI DI RIFLESSIONE

La povertà non è soltanto un consiglio, ma diventa un ordine, quando i beni ostacolano. A riguardo delle ricchezze, anche legittime i vangeli insegnano: Gesù ha messo in guardia gli uomini contro l'ostacolo delle ricchezze per chi vuole entrare nella vita.

Si tratta di un insegnamento di Gesù rivolto ai discepoli, vivacemente espresso in una solenne massima (il cammello e l'ago). Con un paradosso viene affermata l'assoluta impossibilità che un uomo attaccato alla ricchezza giunga al porto della vita eterna. La ricchezza è intesa qui come realtà in cui l'uomo ripone sicurezza, come polo decisionale alternativo all'adesione totale a Gesù, in stretta antitesi con l'essere suo discepolo. Matteo, seguendo il testo di Marco aggancia questo tema a quello analogo ma più vasto della difficoltà di salvarsi. Non si tratta più della categoria dei ricchi, ma di tutti gli uomini. La domanda dei discepoli ha il solo scopo di inserire un altro detto del maestro, in origine indipendente da questo contesto: Dio può fare ciò che all'uomo è impossibile. La salvezza non è conquista autonoma dell'uomo, ma realizzazione divina. Trascende le possibilità e le risorse puramente umane e rientra nelle possibilità della grazia e del dono del Signore.

il cammello e l'ago

FacebookTwitterDiggGoogle BookmarksLinkedinPinterest