NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Articoli Blog

Vangelo del Giorno

News

Nostro Parroco eletto Custode Provinciale

Il nostro parroco Padre Giorgio Tassone è stato eletto Custode Provinciale di Calabria dei Frati Minori Conventuali.

Leggi tutto...

Links Utili

Chi ascolta voi ascolta me

Dal vangelo secondo Luca (10,13-16)

Chi ascolta voi ascolta me, chi disprezza voi disprezza me. E chi disprezza me disprezza colui che mi ha mandato.

SPUNTI DI RIFLESSIONE

L'incontro con Gesù cambia la vita, la rende nuova. Può accadere che una persona, incontrando Gesù, non abbia il coraggio di fidarsi totalmente di lui e se ne vada via trista (Lc 18,18-23), oppure riconosca in lui quella novità che dà un significato profondo alla vita (Lc 19,1-10).
Non è però possibile essere uomini e donne nuovi senza un coraggioso abbandono dell'uomo vecchio, l'uomo inautentico, ripiegato su se stesso. La novità dello Spirito è insieme dono e compito: «Dovete deporre l'uomo vecchio con la condotta di prima, l'uomo che si corrompe dietro le passioni ingannatrici. Dovete rinnovarvi nello spirito della vostra mente e rivestire l'uomo nuovo, creato secondo Dio nella giustizia e nella santità vera (Ef 4,22-24).
Uomini e donne nuovi si diventa quando si ha il coraggio di una conversione profonda, di una scelta netta e definitiva. L'azione trasformante dello Spirito non rinnega nulla di quanto nell'uomo è autentico, né trascura alcuna delle sue profonde aspirazioni, ma tutte porta a insospettata pienezza. Richiede però che ci si lasci alle spalle le opere dell'egoismo, per gustare i frutti dello Spirito.

LA PAROLA PER ME OGGI

“Tutto quanto volete che gli uomini facciano a voi, anche voi fatelo a loro” (Mt 7,12). Troppe volte aspetto che siano gli altri a venire incontro a me, lasciando così immiserire potenziali e meravigliosi rapporti in sterili prese di posizione. Oggi no: pensando a ciò che mi piacerebbe che gli altri mi offrissero, lo farò io a qualcuno.

LA PAROLA SI FA PREGHIERA

Signore Gesù, che al ladrone pentito facesti la grazia di passare dalla croce alla gloria del tuo regno, ricevi l'umile confessione delle nostre colpe e nell'ora della morte apri anche a noi la porta del tuo paradiso.

Gesù e la samaritana

FacebookTwitterDiggGoogle BookmarksLinkedinPinterest